Spazi naturali di

gioco per bambini

homehome.htmlhttp://www.passileggerisullaterra.itshapeimage_1_link_0
 
 


Giardini scolastici per i sogni dei bimbi e delle bimbe


Ci sono modi per progettare e realizzare giardini scolastici e parchi più vicini al mondo dei bambini e delle bambine, aperti all’esperienza, vicini all’autenticità della natura, senza l’esigenza di grandi spese economiche.

Spazi naturali di gioco che invitano alla scoperta, all’interpretazione creativa sapendo che “i bambini sanno giocare”.

Rispettare il rapporto tra l’infanzia e l’ambiente è una questione sociale e di buona salute fisica e psicologica che non si deve trattare solo a scuola ma  proprio da qui può cominciare e trovare una via percorribile gioiosa e giusta moderando le paure invadenti del mondo adulto occidentale.

 

                        Menù di navigazione



MATERIALI NATURALI E                                                           MESTIERI TRADIZIONALI


Terra cruda

Forni in terra cruda

Cesti ed intrecci creativi

Bioedilizia ruspante

Stufe in muratura

HOME           



Chi siamo           

La filosofia          

Articoli 

Links

PROGETTAZIONE E

REALIZZAZIONE SPAZI ESTERNI                                

                                             

Spazi naturali

di gioco per bambini  

Strutture viventi     

Orti biologici scolastici                                  

Formazione alle insegnanti

Pietre stondate, tronchi che emergono dal terreno, panchine, strutture di salice vivente, fontane e acqua che scorre. Son alcune delle situazioni in che possono essere sfruttate dai bambini in tanti modi diversi.

“Lo scivolo è a senso unico, ci sali da una parte e scendi dall’altra(...) un bel tronco può diventare una panchina, un posto dove nascondere una macchinina, un nascondiglio o una ‘cucina’ in cui iniziare un gioco di simulazione (...) bisogna studiare dei luoghi che possono essere utilizzati in maniera diversa e creativa da parte dei bambini” Gianfranco Zavalloni



Colline, montagnette, avallamenti, La prima cosa che facciamo è cercare di movimentare il terreno “Dislivelli e asperità vengono cercati dal bambino come se cercasse la difficoltà... sta attento, scopre i limiti del suo corpo e come utilizzarlo per non cadere (...) In realtà il cortile piatto è più pericoloso: invita a correre e ci si trova in una situazione tipo scontro di vettori” G.F.Z.

Per informazioni, progetti e preventivi

Alberto Rabitti 349-2889460


Per vedere alcune foto della realizzazione del giardino dell’asilo nido “Villaggio del fanciullo” a Bologna...